Ti Trovi in Home > Comunicati
COMUNICATI

Ogm, scoperti campi illegali nel Lazio

In una lettera inviata ai Ministri dell'agricoltura e dell'ambiente e alla Presidente della Regione Lazio, Mario Capanna, Presidente della Fondazione Diritti Genetici, denuncia la presenza di campi illegali di Ogm nel Lazio e propone: "Distruggere i campi ma prima fare ricerca"


Ogm, scoperti campi illegali nel Lazio - Versione Stampabile
   

Archivio Comunicati

 
Leggi il Rapporto della FDG sui campi sperimentali della Tuscia

Leggi il testo integrale della lettera

18 maggio 2012 - “Ill. me Autorità, con la presente, la Fondazione Diritti Genetici Vi comunica formalmente il perdurare di una situazione di illegalità, grave quanto prolungata, circa i campi sperimentali di ciliegi, kiwi e olivi transgenici ospitati nell’Azienda Didattico-Sperimentale dell’Università della Tuscia di Viterbo”.

Così Mario Capanna, Presidente della Fondazione Diritti Genetici, scrive ai Ministri dell’ambiente e dell’agricoltura e alla Presidente della Regione Lazio Renata Polverini, dopo la scoperta, fatta dalla stessa Fondazione, di campi transgenici illegali in provincia di Viterbo.

“Come ben a conoscenza delle SS.VV. – si legge nella lettera - la sperimentazione in questione era stata autorizzata per dieci anni a partire dal 1998, e la richiesta di estensione della ricerca, presentata dal Prof. Eddo Rugini nel 2009, è stata respinta per impossibilità di ottemperare alla normativa vigente in merito al confinamento dei campi transgenici”

“Questo ha spinto l’Autorità Nazionale Competente (ANC) – spiega Capanna - a formalizzare nel marzo del 2010 all’Università della Tuscia la richiesta di dismissione dei campi sperimentali”.

“Nonostante ciò – continua il Presidente della Fondazione - nell’aprile del 2012 la FDG ha documentato la permanenza in campo delle piante oggetto di sperimentazione che risultavano, peraltro, prive di protezioni atte ad impedire la diffusione del polline dei ciliegi già in fiore”.

“Prima di procedere alla dismissione del campo e previa apposizione di reti di protezione dei frutti sui ciliegi – scrive ancora Capanna - si propone di acquisire i dati ed i campioni necessari (…) all’acquisizione di informazioni sulle piante GM, informazioni non previste nel piano di ricerca originario.”

“Le indagini proposte - spiega il Presidente della Fondazione - potranno essere svolte tra l’Università degli Studi della Tuscia, l’ISPRA (per conto del MATTM), il CRA (per conto del MIPAAF), l’ARSIAL (per conto della Regione Lazio) e l’ufficio scientifico della Fondazione dei Diritti Genetici”.

Capanna conclude chiedendo alle istituzioni destinatarie della lettera di “voler comunicare alla scrivente Fondazione la Vs. posizione in merito, nel termine di 15 giorni dalla ricezione”, riservandosi, in caso contrario, “di percorrere le vie legali adeguate”.

Il testo integrale della lettera sarà pubblicato domani sul quotidiano il manifesto.







Ultimi Comunicati
OGM, bene decreto di stop, ora clausola di salvaguardia

Leggi Tutto »


OGM, BENE ADESIONE LORENZIN E ORLANDO AL DECRETO DE GIROLAMO, MA ORA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA

Leggi Tutto »


Siamo sicuri che Fidenato sia stato l’unico ad aver seminato mais transgenico? Allarme coltivazioni illegali anche in Veneto, Lombardia, Piemonte.

Leggi Tutto »


OGM, DOPO LA SEMINA ILLEGALE IN FRIULI, A CHE PUNTO E’ LA PROCEDURA PER LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA?

Leggi Tutto »


  Fondazione Diritti Genetici Via Alessandro Torlonia 11 - 00161 - Roma
tel. (0039) 06 86 38 49 41 fax (0039) 06 86 39 13 15 info@fondazionedirittigenetici.org
P.IVA 09465171008
Cod.Fisc. 97429470582
  genet
La Fondazione Diritti Genetici
è membro di Genet
 
facebbok rss feed biotecnologie
Versione Inglese
Versione Spagnola
Versione Portoghese
Versione Araba